Salta al contenuto
Rss





Chiesa di Santa Maria di Linduno (Sec. XII)


immagine ingrandita Chiesetta di Santa Maria - Vista Facciata (apre in nuova finestra) La chiesa di Santa Maria di Linduno è testimoniata per la prima volta il 4 febbraio 1324, quando i canonici regolari di S. Giulio di Dulzago decisero di chiedere al vescovo di Novara Uguccione Borromei, cui appartenevano l'edificio religioso e le sue proprietà, di permutarla in cambio della fondazione canonicale dei Santi Giacomo e Filippo di Palliadina, nei pressi di Pagliate, ora frazione di Novara.
Essi si impegnarono a ristrutturare la chiesa e a mantenere in essa uno o più preti dell'ordine agostiniano per celebrare l'Ufficio Divino e per pregare per la salvezza del vescovo Uguccione e della sua curia.
Alla metà del Quattrocento divenne parroco di Dulzago il milanese Bassiano Calco, appartenente a una famiglia molto importante nella società sforzesca. Costui fece realizzare nel 1468 una serie di opere murarie nell'abside e chiamò un pittore allora molto quotato a Novara, Luca di Campo, per affrescare la cappella.
Successivamente la chiesa venne abbandonata dai canonici e i massari cominciarono ad utilizzarla come magazzino.
Nel 1628 fu decretato che il piccolo centro di Linduno facesse parte del territorio di Momo.
immagine ingrandita Chiesetta di Santa Maria - Affresco (apre in nuova finestra) Entrando nella cappella, sopra il presbiterio, si ammira una grandiosa Annunciazione in cui sia l'Angelo che la Madonna sono dipinti tra due palazzi rinascimentali.
Nell'emiciclo absidale sono affrescatii gli altri misteri della vita di Maria: a sinistra la Natività, al centro l'Adorazione dei Magi, a destra la Presentazione di Gesù al tempio.
Sulla volta è dipinta l'Assunzione di Maria fra due schiere di angeli osannanti con gli strumenti musicali della metà del Quattrocento e, al di sopra, i dodici apostoli inginocchiati guidati da San Pietro. Sui due pilastri Luca di Campo dipinse le figure dei santi medici Cosma e Damiano.
Il pittore firmò l'opera con la frase, ancora leggibile in basso "MCCCCLXVIII Lucas de Campo p(I) n(X) it in oc opus" accanto allo stemma del prevosto Bassiano Calco.
immagine ingrandita Chiesetta di Santa Maria - Affresco (apre in nuova finestra) La parete di sinistra reca in alto una Crocefissione tardo medioevale mentre a destra appare un affresco votivo con San Gottardo con a fianco i santi guerrieri Alessandro e Tiburzio.
La piccola chiesa è normalmente chiusa e vi si celebra la messa solo in particolari ricorrenze.
La Graziosa Chiesetta di Santa Maria è testimoniata per la prima volta il 4 febbraio 1324; subi rimaneggiamenti in varie epoche.
Affreschi nell'abside datati 1468 del pittore Lucas de Campo (Crociffisione tardo medioevale, affresco votivo del quattrocento, Madonna dei Gambini).
La cascina Linduno con il suo oratorio di Santa Maria, benché si trovi nel Comune di Momo, è sempre stata legata a Bellinzago.
immagine ingrandita Chiesetta di Santa Maria - Affresco (apre in nuova finestra) Nel XIII secolo diventò proprietà dei canonici della pieve della Badia di Dulzago, che organizzarono attorno all'edificio sacro un piccolo insediamento, forse in sostituzione di un villaggio da tempo ormai abbandonato.
Si tratta di un gruppo di case, alcune delle quali conservano la tipica struttura delle antiche cascine.
Ancora oggi la maggior parte dei suoi proprietari, appartenenti alle famiglie degli Apostolo, sono bellinzaghesi e le usano come seconde case.
L'oratorio romanico di Santa Maria e San Nicola, nonostante, per molti anni, sia stato utilizzato dai residenti come magazzino, ora è ben curato e conserva pregevoli affreschi.
E' tradizione che, nella giornata del 25 aprile, la chiesetta si apra per la messa celebrata dal parroco della Badia e, in questa occasione, Linduno torna ad animarsi, diventando meta di scampagnate.


Clicca sull'anteprima per visualizzare le immagini ingrandite




Inizio Pagina Comune di BELLINZAGO NOVARESE (NO) - Sito Ufficiale
Via Matteotti n.34 - 28043 BELLINZAGO NOVARESE (NO) - Italy
Tel. (+39)0321.924710 - Fax (+39)0321.924755
Codice Fiscale: 00190090035 - Partita IVA: 00190090035
EMail: municipio@comune.bellinzago.no.it
Posta Elettronica Certificata: municipio@pec.comune.bellinzago.no.it
Web: http://www.comune.bellinzago.no.it


|