vai al contenuto. vai al menu principale.
Accesso

Il comune di Bellinzago Novarese appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Novara

Menu di navigazione

Storia

Il Neolitico

"L'Italia grazie alla sua posizione geografica (clima e vegetazione) si sarebbe trovata in una situazione particolarmente favorevole allo sviluppo autoctono dell'economia di produzione". Così scrive Borgogni Torli Silvana (Preistoria italiana, in "Italia Preistorica", AA.VV., Milano, 1934) per spiegare la nascita delle relazioni sociali ed economiche. Il Neolitico fu il periodo più importante della storia dell'uomo preistorico: infatti egli passò da una economia di prelievo (uomo-cacciatore) ad una di produzione (uomo-allevatore/uomo-agricoltore). Coltivatore e allevatore l'uomo del Neolitico sentì il bisogno di costruire villaggi e disboscare foreste, per avere terra da coltivare e nuovi spazi per adibire all'allevamento del bestiame. Questi nuovi fabbisogni imposero delle esigenze ben precise dettate dal tipo di mestieri che si venivano a creare; pertanto iniziarono ad essere costruiti i primi utensili. All'inizio vennero reimpiegate e adattate le armi da caccia; per esempio le asce di selce per uso bellico vennero riutilizzate per la lavorazione del legno. Sorse l'alba dell'anno 5000 a.C. e là dove sorgevano maestose verticalità di ghiaccio ora erano presenti vaporosi specchi d'acqua, che il progressivo sciogliersi dei ghiacci ha trasformato nelle nostre principali risorse idriche: lago Maggiore e lago d'Orta. Il clima era diventato mite. Il territorio era caratterizzato da enormi e svettanti foreste verdi ed era animato da tumultuosi spostamenti di animali. Provengono anche dalla zona di Bellinzago ritrovamenti archeologici importanti: cuspidi di lance, asce e selce scheggiata che sono stati ritrovati, nelle zone limitrofe alle località di Cavagliano (loc. Crimea) e Linduno, testimonianze dell'esistenza di una popolazione stabile nella zona collinare a nord di Novara. Scrivono infatti gli studiosi che "Culturalmente sono identificabili sul sito (Cavagliano, loc. Crimea) una frequentazione Neolitica ed Eneolitica con abbondante produzione di selce scheggiata, seguita da un ampio insediamento riferibile alla media età del Bronzo...".